Statistics_

martedì 1 giugno 2010

La magia di Chopin

Come promesso vi allego il video della puntata del 30 maggio di Che tempo che fa.

Caroli racconta in modo sublime la vita di Chopin, attraverso date, avvenimenti, amori, pensieri, situazioni sociali dell'epoca, quadri e, cosa più importante, attraverso le composizioni a dir poco uniche del grande Chopin.
Forse qui si coglie il vero animo di Fryderyk: non è la solita visione idilliaca di un compositore perso fra le nuvole che scrive note dolci e apparentemente vellutate. No. Finalmente qui si parla di un Chopin incazzato, alienato dalla società, magrolino e inadatto alla lotta politica, così geniale da non rientrare in nessuno schema. E' colui che riesce più di tutti a rappresentare in musica l'anima romantica del suo tempo, non fantastica e superficialmente semplice come viene spesso proposta, bensì un'anima cupa, colma di dubbi e riflessioni, che vuole ricrearsi e rinascere a dispetto di tutto e di tutti; e Chopin, con la sua musica, riesce a esprimere ciò che egli, massimo rappresentante della sua epoca, ha dentro di sé: le sue paure e le sue domande. Ed è sempre lui che unisce rigore matematico e fantasia. Nessuna nota è messa a caso, nemmeno nei Notturni, dove lo sporadico ascoltatore potrebbe stupidamente percepire una melodia quasi improvvisata, errando completamente.





Nel video potrete godervi due grandi maestri: Artur Rubinstein, ultra ottantenne, che suona con una vivacità uncica. Poi c'è Barenboim, che prima ci delizia con la sua visione di Chopin mettendola così su due piedi in toccante poesia (riesce addirittura a parlare del rapporto di un musicista col suo strumento, da brividi!) e poi ci regala un meraviglioso Notturno.

Una puntata da guardare dall'inizio alla fine.


Che tempo che fa, 30 Maggio 2010 (video)

1 commento:

martina ha detto...

Mooolto bravo... hai mantenuto la promessa (e anch'io... pubblicità!)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails